Nov 24

Mi piace sfruttare i pranzi e le cene delle trasferte per incontrare clienti o fornitori. Ieri sera mi hanno annullato la cena e questa volta il ritrovarmi a cenare solo in una grande città mi ha portato uno strano senso di solitudine e mi sono sentito davvero fortunato ad avere una famiglia che mi aspetta.
Una strana coincidenza mi porta ad adocchiare in libreria il nuovo libro della tata più famosa d’Italia. Il titolo è “Fate famiglia!”. Decido di comprarlo e in attesa della mia cena leggo le prime pagine.
Lucia Rizzi riporta un discorso fatto dalla ex first lady Laura Bush ai neolaureati del Wellesley College: “Per quanto importanti saranno le vostre professioni come medici, avvocati, dirigenti…, ricordatevi sempre che siete prima di tutto esseri umani e che i vostri rapporti con le mogli, i mariti, i figli, i genitori, gli amici sono e saranno sempre gli investimenti più importanti che farete. Alla fine della vostra vita, al di là dei successi che avrete ottenuto nella carriera lavorativa, quello che rimpiangerete sarà il tempo che non avete speso con i vostri cari. Il successo della società non dipende da ciò che succede alla Casa Bianca, ma da ciò che succede nelle nostre case!”.
Nelle assemblee aziendali e nelle aule dei parlamenti si parla tanto delle famiglie e del lavoro, di come agevolare la convivenza di questi mondi solo in apparenza lontani, ma si fa ben poco e non prendere di petto l’argomento vuol dire non preoccuparsi dei riflessi che lo stesso ha sul PIL di una nazione, sempre che questo possa considerarsi ancora un indice di misura pertinente e sul “PIL” delle nostre famiglie.

– Posted using BlogPress from my iPad

Location:Roma

Ti potrebbero interessare anche:

Come non dev’essere un capo.

SE VUOI PUOI