THE ENERGY PROJECT

By Michele Puccio | Uncategorized

Feb 18


Oggi parliamo di futuro e lavoro partendo a un’analisi fatta dal Prof. De Masi che probabilmente molti di voi conosceranno. Lui fa un’analisi dell’evoluzione dei sistemi paese occidentali, evidenziando che si è passati da un’economia agricola ad un’industriale e oggi ci ritroviamo in un’economia basata sul terziario. Fin qua niente di nuovo. Il Prof. fa giustamente notare che le città rimaste troppo ancorate al secondario (tipo Torino) sono quelle più in difficoltà, Lo sono meno quelle che si sono più orientate ai servizi (vedi Milano). La proiezione per il futuro dice che se vogliamo rimanere leader dobbiamo puntare tutto sulla creatività. La cosa buona per noi informatici sono le previsioni del Prof.  che dicono che i due settori che continueranno a tirare nel prossimo futuro saranno l’informatica e l’estetica, cioè tutto ciò che ha a che fare con la bellezza, il design ecc. ecc.

Riassumendo, noi dobbiamo essere i creativi della terra.
Come si collega tutto questo all’articolo apparso qualche giorno fa su Repubblica che parlava del nuovo trend americano che sostiene che si dovrebbero ridurre i ritmi di lavoro perché in questo modo si è più produttivi (dai un’occhiata al sito www.theenergyproject.com)? Lo stacanovismo da 14 ore al giorno non sarebbe più di moda ad Harward dove sostengono che i manager dovrebbero passare dall’analogico al digitale, nel senso che pensare ai proprio collaboratori e ad un’orario di lavoro è assolutamente retrò. 
Questo ha senso nella misura in cui la nostra economia si orienta alla creatività. La creatività non è un qualcosa che si può programmare dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 rigorosamente davanti alla scrivania dell’ufficio. Puoi essere creativo lavorando da Sturbucks, contemplando un paesaggio o ovviamente facendo un bran storming con i collaboratori. La proiezione per il futuro è che lavoro e hobby saranno la stessa cosa in quanto la creatività presuppone passione e quindi non ci sarà più differenza tra uno e l’altro.
Tutto molto bello, peccato che ad oggi i ruoli a cui è chiesta creatività nelle nostre aziende sono molto pochi e che comunque ci sarà sempre un percentuale importante di dipendenti che per le mansioni che svolgono saranno esclusi da tutto questo.
Io sono sempre favorevole alla politica dei piccoli passi, il target oggi potrebbe essere quello di dedicare delle ore o delle giornate a far bene quella pianificazione che alla fine non vien mai fatta o vien fatta poco e male e che si provi a dare una ciclicità a queste occasioni di incontro e riflessione, senza dover rinviare da un anno all’altro.
Questi potrebbero essere i piccoli cambiamenti che cambiano il mondo.
Buon lavoro/relax a tutti.

Ti potrebbero interessare anche:

Come non dev’essere un capo.

SE VUOI PUOI