Fuoco, Aria, Acqua, Terra e luoghi per meditare

Secondo Maharishi (fondatore della meditazione trascendentale), potremmo meditare anche nel bel mezzo della confusione di una piazza pubblica. Verissimo, tecnicamente non fa una piega e più siamo allenati nella pratica della meditazione, più ci risulterà facile ricreare il silenzio nella nostra mente anche quando attorno a noi c’è il caos.

Nella pratica, avere la possibilità di trovarsi in un ambiente più consono, sicuramente aiuta.

Oggi vi condivido qual è il mio posto preferito e vi racconto anche perché secondo me è così speciale.

Tanti di voi avranno sentito parlare della teoria dei 4 elementi naturali che sono il fuoco, l’aria, l’acqua e la terra. Il filosofo che è introdotto questa teoria è stato Anassimine di Milento e siamo nel VI secolo a.C. Successivamente è stata assimilata dai più famosi Socrate e Aristotele. Ma vediamo un attimo cosa sostiene questa teoria. Ogni cosa che esiste nel micro e macrocosmo è composta da questi 4 elementi.


Il fuoco racchiude il principio della vita che nasce dalla sua energia. L’aria è l’energia vitale che respiriamo e rappresenta il respiro cosmico. L’acqua è la fonte della vita che dalla sorgente diventa un ruscello, poi un torrente, infine fiume per poi sfociare a mare e attraverso mille ostacoli si ricongiunge alla terra che per finire simboleggia la materia primordiale che accoglie e nutre la vita.



Nei secoli i vari pensatori hanno sottolineato più aspetti dell'argomento. Per esempio Filistione, che era un medico greco antico, sosteneva che dall’interazione dei 4 elementi hanno origine tutti i fenomeni del cosmo ovvero, la nascita, la morte e la trasformazione.Le forze che permettono l’interazione degli elementi sono due, l’amore che è una forza attrattiva e l’odio che è una forza repulsiva. Empedocle parla invece di Amore e Discordia sostenendo che quando domina l’amore, gli elementi sono fusi in una sfera omogenea che è priva di conflitti e che chiama “Lo Sfero”. Ippocrate invece associa i 4 elementi alla natura umana, affermando che l’equilibrio conferirebbe un buon funzionamento dell’organismo. I 4 elementi vengono anche associati agli umori e alle stagioni e per chiudere se ne parla anche in astrologia.



Tornando al mio luogo preferito per meditare, credo che il fatto o meglio, i fattori, che lo rendono così speciale sono la presenza forte dei 4 elementi e quando sei immerso nella pratica si crea un ambiente davvero perfetto che ti aiuta a perdersi completamente nella natura.


Il luogo è quello dell’immagine di copertina e da quella mattina al mattino senti il sole che ti riscalda (il fuoco), il vento che ti accarezza (l’aria), le onde del mare (l’acqua) e infine poggiando i piedi scalzi per terra senti il contatto con essa.

Nel coaching si dice sempre che una cosa importantissima per il raggiungimento degli obiettivi, è la creazione dell’ambiente giusto prima di tutto, ecco, quella panchina è sicuramente un ambiente giusto.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti